Numeri da Campioni per l’Italservice: 113 gol fatti e… 1 milione e mezzo di persone raggiunte su Facebook!

CatturaCLICC QUI PER SCARICARE IL PDF CON IL Report Italservice Pesaro (1)

 

PESARO – La Stagione 2019-2020 è ormai definitivamente alle spalle, nella maniera che tutti conosciamo. Siamo tutti poiettati verso la nuova avventura, la nuova stagione, quella in cui proveremo a replicare e migliorare quanto fatto nel biennio precedente. Prima di volgere però completamente lo sguardo al domani, ci siamo domandati: (maledetto) Covid a parte, che annata è stata? Le opinioni possono essere molteplici, seppure tutte evidentemente positive. C’è solo una cosa però che non ammette opinioni, che non accetta soggettività, che non è discutibile: i numeri.

I numeri parlano chiaro. I numeri sono fatti. I numeri sono certi e insindacabili. E i numeri dell’Italservice Pesaro, in campo e fuori, sono fenomenali. Potremmo dire… numeri da Campioni. Abbiamo effettuato e suddiviso una approfondita analisi in due parti: i numeri in campo… e i numeri, diciamo così, extra campo (leggete fino in fondo per capire). Vediamo nel dettaglio.

NUMERI IN CAMPO – Ci siamo soffermati solamente sulla stagione regolare del campionato di serie A e ci siamo focalizzati sui gol, ovvero la prima voce da cui dipendono gran parte dei report. L’Italservice Pesaro ne ha realizzati ben 113 in 23 partite, per una media di quasi 5 reti a gara. Cifra che prima dello stop del torneo assegnava ai biancorossi il premio di miglior attacco. La suddivisione fra casa e trasferta è simile: 53 centri al Pala Nino Pizza (in 11 incontri), 60 fuori (in 12 match). Curioso il dato relativo al modo in cui la palla è finita in rete: 71 volte con un tiro di destro, 37 di sinistro. Ancor più interessante un altro dato: 15 gol sono nati da palla ferma, 93 invece su azione. Non vi portano i conti? Certo, perché bisogna sempre ricordare che 5 volte su 113 la palla è finita in fondo al sacco avversario a causa di una autorete (lo vogliamo mettere alla voce reti segnate di “fondoschiena”?).

Per quanto riguarda invece le reti subite? Poche. Pochissime. Appena 43 e anche in questo caso è il dato migliore del campionato prima del coronavirus. Meno di due gol incassati a partita, che dà luogo così ad un “risultato medio” in campionato di 5 a 2 per il quintetto di Fulvio Colini. La fase difensiva è stata migliore fra le mura amiche (appena 15 reti subite), leggermente meno efficace in trasferta (28).

Passiamo ai risultati. Quale è stato il miglior successo interno? Contro il Petrarca Padova, ovvero il 6 a 0 imposto si veneti. Meglio Tonidandel e compagni hanno fatto in viaggio, con l’8 a 0 ai danni dell’Arzignano che spicca come vittoria più larga ottenuta in esterna. Quali invece i peggiori? In casa spicca il 4 a 4 imposto dal Kaos Mantova all’esordio davanti al pubblico amico del Pala Pizza, mentre in trasferta è arrivata l’unica sconfitta rimediata in 23 partite, per mano dell’Acqua&Sapone: 5 a 3.

Leggendo tutti questi numeri vi state domandando chi è stato il miglior marcatore dell’Italservice? Cristian Alejandro Borruto, per tutti “Titi”, che ha gonfiato la rete avversaria in regular season ben 22 volte. Bene ovviamente anche tutti gli altri. In ordine: De Oliveira 17 gol, Marcelinho e Canal 15, Taborda 14, Honorio 10, Salas 8, Tonidandel e Jefferson 3, Fortini 1.

NUMERI EXTRA CAMPO – E fuori dal campo? Parliamo della enorme forza mediatica e comunicativa raggiunta dall’Italservice. E ricordiamoci che da Marzo in poi non si è giocato, altrimenti probabilmente saremmo qui a parlare del doppio dei numeri che vi elenchiamo di seguito, suddivisi per capitoli.

FACEBOOK – dal 1 luglio 2019 al 30 giugno 2020 abbiamo registrato un incremento “like” alla pagina pari a 1.787 unità, con totale aggiornato a 7970 follower. Il dato “spaventoso” è il prossimo: ben 1.439.786 di persone raggiunte dai nostri post. Avete letto bene e sono dati ufficiali (insights di Facebook). Ripetiamo: 1 milione, 493 mila e 786 persone raggiunte. Una copertura pazzesca. Inimmaginabile per un club di futsal sino a poco tempo fa. E provate a immaginare insieme a noi con Finali di Coppa Divisione, Finals di Coppa Italia e playoff scudetto che cifra avremmo potuto raggiungere…

Quali sono stati i post più “apprezzati”? “Vince” il post con gli higlights di Benfica-Italservice Pesaro con ben 32.300 visualizzazioni dedicate alla vittoria dei biancorossi 5 a 1 contro lo squadrone portoghese nel primo incontro dell’Elite Round di Champions League in Kazakistan. Al secondo posto c’è la “videocronaca” di quella partita ideata e realizzata dal “nostro” anchorman Matteo Magnarelli, che calamitò ben 19.200 spettatori da tutto il mondo. Champions ancora protagonista sul podio con il riassunto del viaggio ad Almaty e il post dal titolo “L’Europa ha visto l’Italservice”, visualizzato da 11.700 utenti. Poco sotto c’è il recente annuncio dell’arrivo di Leandro Cuzzolino, con 11.600 raggiunti e subito dopo il post “Italservice in Champions”, il recente annuncio che i rossiniani saranno di nuovo in Europa anche nella stagione 2020-2021 (10.800 raggiunte).

INSTAGRAM – viriamo su Instagram, l’ultimo social arrivato in casa Italservice e nato proprio all’alba di questa stagione. Nonostante ciò i numeri sono molto importanti e continuano a crescere a dismisura, giorno dopo giorno. Con 298 post pubblicati, l’Italservice ha conquistato 4516 seguaci complessivi. La media “like” ai post è pari a 296, per un totale di ben 88.000 “cuoricini” complessivi in un anno. La punizione vincente di Marcelinho contro il Benfica in Champions ha fatto il record, con 10.602 visualizzazioni, seguito dalla bomba di mercato Cuzzolino (5.800) e da tantissimi altri post poco sotto a quota 5.000.

SITO WEB – il caro “vecchio” sito web, come va? Come la squadra in campo: una cannonata. L’analytics di google parla chiaro: 135.000 visualizzazioni di pagina, effettuate da 77.000 mila utenti differenti. Fra questi ben 32.000 sono nuovi visitatori, conquistati in questa stagione come tante vittorie preziose e da conservare. Tempo medio sul sito? Un minuto e 13 secondi. Altro dato molto positivo, che si traduce in una visita mirata, non certo in “una botta e via”.

SKY C’E’ – poi ci sarebbero tanti altri numeri da sciorinare riguardo la televisione. Non un numero ma una cosa che ci ha resi particolarmente felici e orgogliosi: appena due settimane fa, grazie all’egregio lavoro svolto di staff dalla MMag Comunicazione di Matteo Magnarelli che cura tutti i nostri contatti e l’ufficio stampa, siamo andati per la prima volta in onda in ben cinque edizioni del tg di SkySport24 con un servizio dedicato esclusivamente al nostro club. La voce di Daniele Barone ha raccontato il ritorno agli allenamenti dell’Italservice post covid. Tutto ciò è andato in onda nei giorni in cui stava ripartendo la Serie A di calcio, nel periodo più ricco perciò di notizie per Sky. Eppure, fra esse, visibile a milioni di persone per più volte,  c’è stato anche il servizio dedicato all’Italservice Pesaro con al suo interno le dichiarazioni del nostro presidente Lorenzo Pizza. Tanta roba.

RECORD SU RECORD – tornando ai social, l’altra grande soddisfazione è sicuramente quella relativa ai numeri emersi al termine della telecronaca integrale di Italservice Pesaro-El Pozo Murcia, decisiva per l’accesso alle Final Four di Champions League. Partita che fu trasmessa live dalla pagina facebook e dal canale youtube di PMGSport Futsal, dalla pagina facebook della Divisione Calcio a 5, da Repubblica.Tv, dalla pagine dell’Italservice e quella della MMag Comunicazione. Sommando tutti questi canali, quelle emozioni furono vissute da ben 120 mila spettatori complessivi. Parliamo di una diretta streaming realizzata in extremis grazie ad un egregio lavoro di squadra: in particolare, il presidente Pizza che decise di acquistare i costosi diritti, il Direttore Marco Troilo che curò la trattativa in tandem con il responsabile della comunicazione (e telecronista di quella gara) Matteo Magnarelli, e la Divisione Calcio a 5 che supportò e agevolò la trattativa.

Fu record di pubblico per lo streaming di una italiana di calcio a 5, ma la partita andò male: il 3 a 3 subito a pochi secondi dalla fine non bastò all’Italservice per qualificarsi. Peccato, ma con tutti questi numeri che abbiamo analizzato sin qui, non possiamo che guardare al domani in maniera positiva. In campo e fuori. Sono numeri da Campioni, che ci fanno sognare in grande anche per la prossima stagione.