L’Italservice sfiora l’impresa: avanti 3 a 1, subisce la rimonta del Murcia e fa 3 a 3

Humberto Honorio, autore del momentaneo 3 a 1 per il Pesaro

 

A 100 secondi dalla qualificazione delle Final Four di Champions League. Ci è mancato davvero poco. L’Italservice Pesaro è stata capace di mettere sotto El Pozo Murcia e di volare sino al 3 a 1 a 3 minuti e 20 secondi dal termine. Solo a quel punto, con gli spagnoli in power play col portiere di movimento, i biancorossi hanno subito prima il 3 a 2 e poi, a un minuto e 40 secondi dal termine, la rete del definitivo pareggio.

Invece bisognava vincere e la squadra di Fulvio Colini aveva messo in campo più di quanto aveva per riuscirci. Assente Borruto per squalifica, l’Italservice è andata in vantaggio con Salas al 5′, poi ha sfiorato il raddoppio prima con Honorio (destro fuori) quindi con Taborda (bomba che ha schiantato il palo). El Pozo si è reso pericoloso raramente e quando lo ha fato ha trovato di fronte a se uno splendido Miarelli. Nella ripresa 11 minuti di battaglia, con netta supremazia degli spagnoli e un Miarelli che da superlativo passa alla versione miracoloso, quindi nel momento più difficile ecco il raddoppio marchigiano su autorete di Andresito, sfortunato in occasione del corner battuto da Salas. Neanche il tempo di esultare però che Paradynski accorcia.

Arriviamo agli ultimi minuti al cardiopalma. Honorio (autore di una prestazione mondiale!) si lancia verso Espindola e lo trafigge con classe e freddezza da fuoriclasse qual è, quindi negli ultimi 3 minuti la rimonta spagnola certificata dalle reti di Paschoal e Alex.

Mamma mia che amarezza pareggiare così. Vedere la qualificazione lì davanti, accarezzarla e non poterla afferrare per questione di micron. Questo è il rammarico più grande. Messo da parte ciò, restano solo segni indelebili di questa prima, magnifica avventura europea dell’Italservice: Pesaro è forte, tanto forte, e ora lo sanno in tutto il mondo. E poi l’affetto, l’affetto della gente: oggi da tutta Italia in decine di migliaia hanno seguito la telecronaca emozionante del nostro Matteo Magnarelli. Messaggi di stima, di supporto e di calore sono pervenuti da ovunque e chiunque. Vuol dire che questa Italservice è piaciuta a tutti, ma proprio. Anche ai kazaki, che oggi nelle fasi calde della partita, in 3 mila urlavano: “Pesaro, Pesaro!”. Abbiam detto tutto.

 

Tabellino ITALSERVICE PESARO-ELPOZO MURCIA 3-3 (1-0 p.t.)
ITALSERVICE PESARO: Miarelli, Honorio, Canal, Taborda, De Oliveira, Carducci, Tonidandel, Gava, Fortini, Salas, Marcelinho, Dionisi, Guennounna. All. Fulvio Colini

ELPOZO MURCIA: Espindola, Tolrà, Andresito, Alex, Fernan, Alberto, Felipe Valério, Pacheco, Kazuya, Matteus, Ricardo Mayor, Felipe Paradynski, Fede. All. Diego Giustozzi

MARCATORI: 4’53” p.t. Salas (P), 10’51” s.t. aut. Andresito (P), 11’12” Paradynski (M), 15’15” Honorio (P), 17’16” Pacheco (M), 17’56” Fernan (M)

AMMONITI: Pol Pacheco (M), Salas (P), Alex (M)

ARBITRI: Nikola Jelić (CRO), Ondřej Černý (CZE) Cédric Pelissier (FRA)